venerdì 31 ottobre 2014

Big Bang e Papa Francesco


Il Big-Bang, che oggi si pone all’origine del mondo, non contraddice l’intervento creatore divino ma lo esige. L’evoluzione nella natura non contrasta con la nozione di Creazione, perché l’evoluzione presuppone la creazione degli esseri che si evolvono.

Dal discorso di Papa Francesco presso la Pontificia Accademia delle scienze (qui il testo completo)

Vista la quantità di sciocchezze scritte a sia favore che contro questo intervento vale la pena di ricordare alcuni fatti. 

  • Il Papa non parla mai  di Creazionismo (--> no dinosauri, 4000 anni di età di universo, no evoluzione degli animali) come titolano molti articoli online (ad esempio repubblica  e persino wired, che così rovina l'ottimo articolo di Amedeo Balbi).
  • Il concetto di Big Bang fa parte del magistero della Chiesa dagli anni '50: un primo discorso di Pio XII del 1951 cita come prova dell'età dell'universo: 1) Il distanziamento delle nebulose spirali o galassie. 2) L’età della crosta solida della terra, 3) L’età dei meteoriti. 4) La stabilità dei sistemi di stelle doppie e degli ammassi di stelle. In questo testo il Big Bang veniva portato quasi a prova della Creazione divina, cosa che sia Lemaître (il primo a formulare questa ipotesi) che molti teologi ritenevano una forzatura. Infatti nel discorso di Pio XII del 1952 la cosa fu  fortemente. Il Big Bang è ormai un fatto talmente assodato (e dato per scontato nel breve discorso del papa) che nessuno si sognerebbe di mettere in discussione, a parte appunto i  creazionisti.
  • L'idea di una singolarità iniziale all'inizio di tutto si deve ad  un giovane cosmologo e prete gesuita, Lemaître. A partire dagli anni '20 mostrò che solo  un universo in espansione a partire da un punto o singolarità iniziale soddisfaceva le equazioni di Einstein (qui una breve spiegazione). Quest’ultimo – di origini ebraiche ma dichiaratamente ateo – aborriva quello che ai suoi occhi appariva come un tentativo di ritrovare la Creazione biblica nella cosmologia. Di uguale opinione erano altri valenti cosmologi tra cui Bondi ed Hoyle, che – in opposizione alla teoria dell’atomo primitivo di Lemaître proposero quella dell’universo stazionario, battezzando ironicamente 'Big Bang' la teoria di Lemaître. 

  • Nessuno al momento sa cosa sia avvenuto nel momento della singolarità iniziale. Anzi, non si sa neanche cosa sia avvenuto nei primi10-44 secondi (il cosiddetto tempo di Planck), o perché il nostro universo sia dominato dalla materia a discapito dell'antimateria e meno che mai come fare a mettere insieme relatività generale e meccanica quantistica. Tutte queste domande sono probabilmente correlate tra loro, ma in maniera ignota. A
  • Scienziati di tutto il mondo, siano essi non credenti, o di qualunque credo e religione,  indagano su questi problemi alla stessa maniera: con la matematica dal punto di vista teorico e costruendo apparati sperimentali per raccogliere dati e verificare le ipotesi. 
  • Il resto è solo rumore di fondo che oltrettutto alimenta un generale sentimento antiscientifico  che sta facendo molti danni anche in Europa (ed ha distrutto il già traballante sistema scolastico USA). Forzare uno scontro tra scienza e fede sul terreno della fisica fondamentale e della cosmologia (quando il dibattito è già abbastanza acceso su temi di bioetica) è un anacronismo che ci riporta - neanche a volerlo fare apposta -   ai tempi di Galileo.

mercoledì 29 ottobre 2014

Le Storie perdute del Mondo Emerso: Fantasy e mainstreaming. (Mini-Recensione no spoiler)

Come racconta l'autrice nella postfazione, sono passati  dieci anni dall’uscita del primo volume che narra le vicende di Nihal nel Mondo emerso.  
Da allora Licia Troisi -  al tempo laureanda in Fisica presso l'Università di Roma Tor Vergata e ora collaboratrice presso il Dipartimento -  ha sfornato decine di libri   in questa ed altre ambientazioni, tutte con enorme successo di pubblico.

Protagonista de  Le cronache del Mondo emerso, la prima trilogia della saga, è Nihal, una ragazza appartenente alla razza dei mezzelfi che si trova a dover combatter contro il Tiranno per liberare il Mondo emerso dal suo dominio. Il tema è quello classico della lotta tra bene e male, qui riproposto con successo grazie all’abilità dell'autrice di riuscire a bilanciare uno stile scorrevole e quindi fruibile ad un pubblico giovane  con una scrittura ricca di sfumature che descrive e caratterizza i personaggi nelle loro sfaccettature.  Le Storie perdute si ricollegano a questa prima trilogia, proseguendo le avventure della protagonista. È un ritorno al principio  sommesso quello di Nihal, sotto forma di narrazione incorniciata dalla canzoni di un menestrello. Le avventure di Nihal proseguono facendoci conoscere un Mondo emerso molto diverso da quello delle prime vicende, lasciando spazio ad ulteriori futuri sviluppi. 

Il successo di Nihal e delle sue cugine smentisce molte delle considerazioni sulla crisi dell'editoria, italiana e non.   Mondadori   è stata  lungimirante nel credere nella saga e investire nella sua promozione, ma  si trova talvolta in difficoltà nello sfruttare le opportunità offerte da internet.  Ad esempio il costo degli ebook (9.99 euro) è estremamente alto rispetto al brossurato  (17.00 euro). Nel primo volume di Nashira era teoricamente possibile scaricare gratis l’ebook, ma solo dopo essersi registrati al sito della Adobe, al sito della Mondadori, avere risolto alcune incompatibilità  tra i formati di protezione (e a quel punto mi sono arreso!).

 L’autrice dal canto suo ha instaurato un dialogo diretto e spontaneo con i suoi lettori sia con facebook e twitter ma soprattutto tramite il  suo blog, in cui interagisce con tutti, trattando  argomenti che spaziano dalla politica alla scienza alla cultura pop. Altrettanto importante è il contatto diretto con i lettori, soprattutto in fiere specializzate, come Lucca, dove  si raccoglie un vero e proprio esercito di fan,  che essendo anche cosplayer, sono spesso armati e bardati di tutto punto.
Grazie a Licia, e complici anche trasposizioni (per quanto mal riuscite) cinematografiche delle opere di Tolkien e più  recentemente del Trono di spade di Martin, il fantasy è stato quindi finalmente sdoganato in Italia ed ha ora acquisito un  ruolo analogo a quello dei paesi anglosassoni. Tuttavia nonostante le impressionanti vendite,questo genere è ancora in parte evitato, o quanto meno non compreso dal mainstream della critica italiana che in qualche maniera non riesce a comprendere il fenomeno e a collocarlo nelle linde caselle in cui si è mossa dal secolo scorso (e guai a nominare l'ancor più bistrattata la fantascienza). 


Le Storie perdute è un romanzo di piacevole lettura, consigliato soprattutto ai fan di Nihal, ma fruibile anche a chi si accosta per la prima volta al Mondo emerso, anche se contiene necessariamente spoiler sulle vicende antecedenti.  

mercoledì 3 settembre 2014

I Paperi al Centro della Terra

 Oltre che nello spazio, i Paperi si avventurano spesso nel sottosuolo: il labirinto del Minotauro, la grotta di Alì Babà, i sotterranei del castello De Paperoni sono solo alcuni dei luoghi da loro esplorati.
La struttura della Terra secondo i Paperi, corretta dal punto di vista scientifico.
La struttura della Terra secondo i Paperi, corretta dal punto di vista scientifico.
Il viaggio verso il 'vero' centro della terra ha però inizio con la storia di Carl Barks "Land Beneath the ground". In questa storia del 1956 Paperone teme che un terremoto possa danneggiare il suo deposito risucchiando il suo prezioso denaro nelle viscere della terra. Il timore non risulterebbe infondato, dato che Paperopoli - sita nello stato immaginario del Calisota - si trova all'incirca nella California del Nord e dunque non lontano dalla faglia di S. Andrea.
Questa faglia rappresenta la linea di contatto tra la placca del Pacifico e quella del Nord Atlantico. La compressione tra le due enormi placche accumula energia che viene rilasciata sotto forma di terremoti, l'ultimo dei quali distrusse S. Fancisco nel 1906.
Per dormire sonni tranquilli, l’ansioso papero decide di far scavare una galleria per verificare la solidità del terreno sotto il deposito. I primi sondaggi riportano solo roccia solida, ma Paperone non è soddisfatto. Fa proseguire la galleria oltre i 7 km di profondità, un fatto eccezionale anche al giorno d'oggi, in cui anche le miniere più profonde non raggiungono i 4 km e le trivellazioni petrolifere si spingono sino ai 10 km.
Le difficoltà di questo genere di scavi sono legate all’aumento di pressione e temperatura che si incontra andando in profondità. La pressione cresce a causa del peso della roccia sovrastante, mentre la temperatura aumenta via via che ci si avvicina al mantello sottostante. Oltre alla corsa allo spazio, la guerra fredda generò anche una speculare 'corsa al sottosuolo', in cui le due superpotenze cercavano di trivellare il più possibile in profondità, sperando di passare la crosta terrestre e giungere al mantello sottostante. Lo scavo sovietico di Kola (1970) raggiunse i 12 km, circa un terzo dello spessore della crosta terrestre in quel punto. Gli Stati Uniti cominciarono nel 1957 con il Project Mohole, ma il progetto fu abbandonato nel 1966 per mancanza di fondi. Progetti più recenti, coordinati nel Integrated Ocean Drilling Program cercano invece di giungere al mantello scavando nel mare, dove la crosta è più sottile.
Nella storia di Barks i paperi si trovano ad essere causa della loro stessa rovina: giungono a scoprire delle enormi caverne sotterranee (il mondo di Terryfermy), abitate da strani esseri sferici, Terrini e i Fermini. Molto simili ai personaggi rocciosi del recente Frozen, i primi sono la causa dei terremoti ondulatori, i secondi di quelli sussultori. Questo è coerente con le nostre conoscenze attuali: l'onda P (onda primaria, 4-8km/s), ondulatoria, è una compressione del suolo parallela alla direzione di propagazione: viene percepita come una scossa che ci muove in avanti ed indietro, facendo tintinnare i bicchieri e muovere i lampadari. L’onda S (secondaria, 2-4km/s) è causa del terremoto sussultorio e scuote il terreno in alto e basso, ortogonalmente alla direzione di propagazione. Queste differenti velocità sono uilizzate in Giappone per fornire una brevissima allerta in caso di terremoti.
La causa dei terremoti secondo Barks.
La causa dei terremoti secondo Barks.
Secondo Barks, gli abitanti del sottosuolo hanno come sport nazionale il provocare i terremoti e si riuniscono proprio sotto Paperopoli per la loro versione delle Olimpiadi, facendo sprofondare il denaro dello Zione negli abissi della terra. Fortunatamente per Paperone i terrifermini non sanno che farsene del denaro e se ne liberano ributtandolo in superficie.
È nella storia di Don Rosa "Il solvente universale" (1995) che i paperi si spingono però sino al reale centro della Terra. 
(continua su scientificast.it)